I Mentor

In anteprima i mentor per #TIPOHack
Risultati immagini per carlo brancati

Carlo Brancati

Independent Consultant,  Digital Communications and Growth Hacking

 

 


Eleonora Lucchi

Eleonora Lucchi

Content Editor presso InfoCamere 

 


Damiano Spinali

 

Damiano Pasquale Spinali

Internship at CULTURE S.R.L.

 


Stefano Pulze

Stefano Pulze

Ricerca e Sviluppo at InfoCamere 

 


Valentina Bua

 

 Valentina Bua

Psicologa, consulente junior Associazione InnovaFiducia

 


Iosto Chinelli

 

Chinelli Iosto

Owner & Technical Director Plastic Jumper srls

 


Domenico Racanelli

Domenico Racanelli

Digital Innovation Manager presso InfoCamere

 


Risultati immagini per cinzia pietroforte

Cinzia Pietroforte

Psicologa, Psy.D Sapienza Università di Roma

 


Giuseppe Frau

Giuseppe Frau

PhD, Data Analyst and Human Computer Interaction Expert

 


Marussia Ciriaci

Marussia Ciriaci

Project Manager presso Fondazione TIM

 


Mauro Micci

Mauro Micci

Formatore Servizi Digitali & E-learning Specialist presso Infocamere

Annunci

TIPOHack

Un concorso di idee per creare TIPO: la piattaforma digitale vietata ai maggiori di 29 anni. Vieni a co-costruire TIPO, la piattaforma dedicata ai giovani tra i 18 e i 29 anni, immaginata dai suoi stessi utilizzatori. Una piattaforma digitale di community tra giovani e di collegamento con le imprese.

#TIPOHack è rivolto a tutti i giovani tra i 18 e i 29 anni.

Le iscrizioni sono chiuse.

L’evento si terrà domani a Roma, presso la Camera di Commercio – Sala del Tempio di Adriano -, Giovedì 18 Ottobre 2018.

Per partecipare è richiesto un solo requisito: avere tra i 18 e i 29 anni!

 

Agenda

  • 8:30 Registrazione dei partecipanti
  • 9:00 Inizio dei lavori e saluti di apertura
    • Lorenzo Tagliavanti – Presidente Camera di Commercio Roma
    • Felicia Pelagalli – Presidente Associazione InnovaFiducia
    • Fondazione TIM
    • Paolo Ghezzi – Direttore Generale InfoCamere
    • Marco Bentivogli – Segretario Generale FIMCisl
    • Antonio Palmieri – Deputato, Coordinatore Intergruppo Innovazione
  • 9:30 Panel con i componenti della Giuria
  • 10:00 Suddivisione in sottogruppi e lancio della sfidacrea la piattaforma TIPO
  • 17:00 Presentazione pitch e valutazione da parte della Giuria
  • 18:30 Proclamazione dei vincitori e assegnazione dei premi
  • 19:00 Spazio networking

Le idee saranno valutate da una giuria tecnica accuratamente selezionata sulla base di comprovata sensibilità ai temi del lavoro, dell’inclusione giovanile e dell’innovazione digitale.

Giuria

bentivogli.jpg

Marco Bentivogli – Segretario Generale, FIM

(Presidente Giuria)

logo linkedin

 

 

 

 


frieda_brioschi

Frieda Brioschi – Cofondatrice Wikimedia Italia

logo linkedin

 

 

 


cancellato

Francesco Cancellato – Direttore Linkiesta

logo linkedin

 

 

 

 


antonio palmieri

Antonio Palmieri – Deputato, Coordinatore Intergruppo Innovazione

logo linkedin

 

 

 


rosina.jpg

Alessandro Rosina – Ordinario di Demografia, Università Cattolica di Milano

logo linkedin

 

 

 

 


zunino

Giorgia Zunino – Strategic Project Manager, ASL Roma 1

logo linkedin

 

 

 

Eventbrite - TIPOHack
Organizzato dall’Associazione InnovaFiducia con il sostegno di Fondazione TIM e in collaborazione con InfoCamere e Camera di Commercio di Roma.

Il primo Hackathon dedicato ai “NEET”

 
Appuntamento a Roma il 18 ottobre al Tempio di Adriano per i giovani tra i 18 e i 29 anni
 
Secondo gli ultimi dati Eurostat, l’Italia si conferma il paese europeo con il maggior numero di giovani NEET (Not engaged in Employment, Education or Training) con una quota del 25,7% nella fascia di età tra 18 e 24 anni, contro il 14,3% della media EU.
 
Per avvicinare questi giovani “lasciati fuori” e favorire una loro integrazione nel circuito formativo e lavorativo, l’Associazione InnovaFiducia ha avviato il progetto NetForNeet, sostenuto da Fondazione TIM grazie alla aggiudicazione del bando Italiax10 in cui la Fondazione dà la possibilità, ai dipendenti TIM, di presentare progetti di enti a cui sono vicini su tematiche specifiche.
In particolare, NetForNeet si propone di sviluppare una piattaforma digitale di coaching e formazione peer to peer alle digital skills, rivolta ai giovani dai 18 ai 29 anni, e in specifico a quelli che non studiano, non lavorano e non sono in formazione. L’intento è la costituzione di una community di riferimento per evitare il rischio di esclusione sociale e l’opportunità di uncollegamento con il mondo del lavoro per favorire conoscenza e occupabilità in un mercato sempre più digitale e all’insegna dell’impresa 4.0.
 
La prima tappa in programma è l’organizzazione di un Hackathon il prossimo 18 ottobre a Roma, presso il Tempio di Adriano, in collaborazione con Infocamere la società delle Camere di Commercio  per l’innovazione e i servizi digitali. L’evento chiamerà a raccolta giovani dai 18 ai 29 anni per impostare la progettazione di una piattaforma relazionale su cui condividere esperienze, entrare in rapporto con le aziende e condividere informazioni, con un approccio peer-to-peer e l’uso di più linguaggi espressi. 
L’obiettivo è che caratteristiche e funzionalità della piattaforma siano individuate e proposte dagli stessi potenziali utilizzatori.
Saranno coinvolti diversi atenei italiani, in particolar modo i dipartimenti legati alle materie tecnologiche e informatiche ma anche design e discipline umanistiche, invitando gli studenti a partecipare portando anche un amico che rientri nel profilo Neet.

Download

Italia ancora al primo posto in Europa per numero di Neet

Anche quest’anno l’Italia vince il primato di paese europeo con il maggior numero di Neet (Not in Empoloyment, Education or Training), se pur con un lieve miglioramento rispetto allo scorso anno (passando dal 26% del 2016 al 25,7% del 2017).

Numeri forniti oggi da Eurostat e per nulla confortanti considerando che la media europea si attesta al 14,6% e che l’Olanda, la nazione più virtuosa sotto questo aspetto, registra una percentuale di poco superiore al 5%.

neet eurostat

L’Associazione InnovaFiducia (con il sostegno di Fondazione TIM) vuole occuparsi di questo complesso problema attraverso il progetto “NetForNeet”: una piattaforma digitale di coaching e formazione peer to peer alle digital skills. L’intento è la costituzione di una community di riferimento per evitare il rischio di esclusione sociale e offire l’opportunità di un collegamento con il mondo del lavoro, favorendo conoscenza e occupabilità in un mercato sempre più digitale e all’insegna dell’impresa 4.0.

La prima attività prevede l’organizzazione del TIPO Hack, l’Hackathon previsto per il 18 Ottobre 2018 a Roma, al Tempio di Adriano.

È il momento di iniziare a fare sul serio e dare un volto a questi giovani.

 

“Net for Neet”

L’Associazione InnovaFiducia lancia il progetto Net For Neet, risultato vincitore del bando ItaliaX10 della Fondazione TIM.

In Italia il 24.3 % dei giovani tra i 15 e i 29 anni non studia, non lavora e non è impegnato in attività formative.

Siamo i primi in Europa per numero di Neet (la media EU è 14.2%): triste primato.

Rispetto agli altri paesi europei, i nostri NEET si caratterizzano per l’alto numero di “scoraggiati” e di “disoccupati di lunga durata” (Dati Eurostat).

Giovani invisibili. Non hanno nemmeno un nome “comune” che li identifichi, solo un acronimo inglese, NEET – Not (engaged) in Education, Employment or Training.

Sappiamo ciò che non sono, ma non ciò che sono: ciò che caratterizza la loro identità, i loro bisogni, le loro aspirazioni, le loro competenze.

Obiettivi del progetto sono lo sviluppo di una piattaforma digitale di coaching e formazione peer-to-peer  alle digital skills e il collegamento con il mondo del lavoro per favorire formazione e occupabilità in un mercato sempre più digitale e di impresa 4.0.

Una piattaforma di sharing, un ambiente  peer-to-peer dove in modalità di parità psicologica e di ascolto reciproco senza filtro (censurati unicamente linguaggio aggressivo e abusi), usando vari linguaggi espressivi,  si elabora e si condivide la propria unicità di “diversamente Neet”.

3 direttrici caratterizzeranno la piattaforma:

Riconoscersi. Trovare un elemento identitario nella diversità delle esperienze.

Ispirare. Incoraggiare motivazioni individuali attraverso storie personali alternative ai più classici percorsi accademici e lavorativi.

Attivare. Spingere a mettersi in gioco rispondendo a call lanciate dagli stessi intervenienti della piattaforma per essere cooptati in progetti creativi e di microimprenditorialità condivisi. Per esempio  la piattaforma diventa anche una bacheca di competenze di nicchia difficilmente classificabili, tipo “cerchiamo un creatore di suoni sintetici”, “serve un conoscitore di slang portoricano per una graphic novel”, “richiesto bartender  acrobata”.